Carrello

Gian Lorenzo MelliniScultori veronesi del Trecento
Il volume affronta il tema della scultura veronese del Trecento e contribuisce a dare il meritato rilievo alla grande stagione artistica dell’epoca scaligera.

La scrittura brillante del Mellini e un attento, completo apparato iconografico, sono capaci di restituire la forza, la fierezza, la spavalderia, l’eleganza del sogno cortese degli Scaligeri, dal sorriso bonario di Cangrande allo strazio dei volti stravolti dal dolore più inconsolabile del personaggi che affollano i compianti sul Cristo morto.

Scultori veronesi del Trecento non si limita a descrivere le celebri Arche scaligere e gli altri straordinari monumenti dell’arte plastica veronese, ma riesce a illustrare il corpus dei manufatti lapidei secondo le diverse personalità artistiche.

Pubblicato originariamente da Electa nel 1971, questa nuova edizione Cierre è corredata da una recente, sistematica campagna fotografica realizzata con le più moderne tecniche di ripresa da BAMSphoto Rodella.

«Questa riedizione di Scultori veronesi del Trecento consente agli appassionati di avere nuovamente a disposizione un libro che ha segnato la storia dell’arte veronese. L’occasione vale anche come ricordo generale di Gian Lorenzo Mellini, scomparso nel 2002 a Firenze, sua città di adozione, dove aveva vissuto con la moglie Stella Rudolph, studiosa del Seicento e del Settecento, brillante e fuori dagli schemi. Mellini merita questo tributo “veronese”, poiché ha esercitato (al di là delle discussioni anche ferventi suscitate tra gli studiosi) un ruolo indiscutibile e, sotto certi aspetti, fondamentale, per la valorizzazione di Verona nel periodo aureo della signoria degli Scaligeri.» [dalla Prefazione di Ettore Napione]
Fumetti e grafica sotterranea (ma non solo).
Recensioni
  • Ancora nessuna recensione per questo titolo. Hai letto questo libro? Scrivi tu la prima.

  • la tua recensione

    In offerta

    347377151