indietro back
espandi
aggiungi al carrello
add to cart
   
Francesco Vedani
Equitazione e leggerezza

Ars Equitandi - Grafite
 
Presentazione dell’autore: L'idea di scrivere un libro mi è venuta qualche anno fa e solo ora, grazie all'aiuto di persone che si sono appassionate al mio modo di fare equitazione, ho potuto realizzare questo progetto. Ho viaggiato il mondo per vedere la bella equitazione e per cercare di carpire qualche "segreto" da qualche grande cavaliere. Ho voluto montare decine e decine di cavalli diversi per potermi sentire sicuro di essere in grado di addestrare un cavallo nel modo corretto ed oggi, forse, ho raggiunto un piccolo traguardo che spero sia anche il punto di partenza per nuove ed importanti esperienze. Ad un certo punto della mia vita ero così demoralizzato che ho deciso di liberare la scuderia da tutti i cavalli che avevo in lavoro e di mettere i miei a prato per essere sicuro che non finissero in cattive mani. L'ambiente dell'equitazione è un brutto ambiente, pieno di persone senza scrupoli e con poco amore verso i cavalli. Ho iniziato a lavorare di giorno con mio padre che aveva una ditta chimica e di notte in una discoteca molto trasgressiva ed alternativa di Milano ma più passavano i mesi e più sentivo che mi mancava qualcosa di fondamentale per la mia felicità. Un giorno, mentre ero in ufficio in mezzo ad un mare di fatture e di cartacce di cui non capivo assolutamente nulla, mi ha chiamato il titolare della discoteca per cui lavoravo, che era anche un mio caro amico, e mi ha detto che avrebbe voluto comprare un andaluso e farsi seguire da me per imparare l'equitazione classica. Ho colto la palla al balzo e con lui sono andato da un commerciante a cercare un cavallo che costasse poco e che avesse però le potenzialità per poter lavorare qualitativamente. E' stato quel giorno che ho incontrato Charrito. Il cavallo mi è piaciuto dal primo momento che l'ho visto nel box, aveva gli occhi buoni, spaventati ed un po' persi. L'ho provato nel maneggio coperto. Charrito non avanzava ed era bravissimo ad alzarsi in piedi per farmi capire che non aveva nessuna voglia di collaborare. Ho convinto il mio amico a comprarlo e da quel giorno ho ricominciato a montare quotidianamente. L'addestramento di Charrito è stato difficile perché il cavallo aveva già subito una doma in stile "spagnolo" molto forte e nella sua testa c'era un gran pasticcio di comandi poco chiari ed insegnati con violenza. Si trattava prima di tutto di cancellare parte dei suoi ricordi e di ricominciare da zero con un lavoro che per lui risultasse positivo. La cosa non mi ha affatto spaventato visto che arrivavo da molte altre esperienze simili che mi avevano già dato grandissime soddisfazioni.Mentre seguivo l'addestramento di Charrito ho avuto l'idea di pubblicare sul web un video sull'addestramento di un puledro frisone che stavo montando presso un centro ippico. Avevo deciso da qualche tempo che l'equitazione sarebbe stata solo una passione nella mia vita e che no avrei mai più cavalcato per guadagnarmi da vivere ma le cose, a quanto pare, sono andate in maniera molto differente. Mi era sembrato bello pubblicare qualcosa di gratuito a cui tutti avrebbero potuto accedere liberamente e attraverso cui avrei potuto mettere a disposizione ciò che avevo capito io dell'equitazione in leggerezza. Iniziando così per gioco non mi sono mai posto il problema di cosa sarei riuscito a smuovere o di quante persone si sarebbero interessate a ciò che proponevo. Il risultato è stato incredibile. Video su video e migliaia di contatti e connessioni che mi hanno permesso di arrivare oggi a fare decine di clinic e di scrivere questo libro. Spero di essere chiaro nelle spiegazioni che ho fatto in queste pagine che seguono anche se devo ammettere che cercare di rendere l'idea di alcuni concetti e sensazioni equestri attraverso la scrittura è davvero difficile. Scrivere questo libro mi ha permesso anche di dare un piccolo aiuto all'associazione Samari Onlus che si occupa della gestione degli orfanotrofi africani dove vengono ospitati, in attesa di adozione, centinaia di bambini accusati di stregoneria e quindi torturati e abbandonati. Anche "solo" per questa meravigliosa causa credo che sia valsa la pena fare questa piccola fatica.


isbn: 000256
pagine: 200
formato: 17 x 24
lingua: Italiano
anno pubblicazione: 2011
euro  26,00
 
 recensioni
Hai letto questo libro? Scrivi la tua recensione.
 
  allevamento, razze e addestramento  
  attacchi, selle e finimenti  
  cultura letteraria  
  dressage  
  equitazione e tecnica equestre  
  etologia e veterinaria  
  gestione olistica del cavallo e del cavaliere  
  immagini  
  ippoterapia  
  nativi americani  
  ragazzi  
  Rarità - Rarity  
  romanzi  
  turismo  
  varia  
  video