Carrello

Daniele BaldelliBaia degli angeli 1977 - 1978 vol. 2
" ...Un giorno – siamo attorno al '77/'78 – un amico mi porta da Riccione delle cassette della Baia Degli Angeli, e io ascolto per la prima volta che cosa significa un mixaggio creativo, cioè due dischi, il prodotto musicale dei quali era una terza cosa che era più della semplice somma matematica dei due...
E’ li che ho capito che un dj poteva avere la capacità di trasformare dei dischi in un’altra cosa semplicemente mettendoli insieme.
E’ stata una rivelazione, qualcosa che mi ha veramente cambiato la vita. Persone come Daniele Baldelli e Mozart hanno un valore che gli va riconosciuto ancora oggi, soprattutto perchè tutto questo lo hanno inventato da zero, senza avere nessuno che gli insegnasse quello che stavano facendo. E come se non bastasse lo facevano con delle cose che spaziavano da James Brown ai Kraftwerk, abbracciando in maniera onnicomprensiva qualunque cosa fosse a loro giudizio bella, interessante e innovativa.
A quel punto mi si è aperto davanti un mondo! Ho capito il potere che aveva il disc jockey nel trovare la musica migliore che ci fosse in giro e nel metterla insieme perché diventasse qualcos'altro.
E’ in quel momento, credo, che ho capito cosa sarei potuto diventare..."
Claudio Coccoluto
Nel cd:
- SAVANNAH BAND: chercez la femme
- JAKKI: you are the star
- INNER CITY EXPRESS: shu' dig dancin'
- GAZ: sing sing
- KONGAS: dr. doo-dah
- THE INVITATION: funky road
- REVELATION: crocos dance
- CLOUD ONE: happy music
- BUBBLE BEE UNLIMITED: everybody dance
- CLOUD ONE: spaced out
- SKYLINE: i think i'm gonna fall (in love)
- SOUND OF INNER CITY: mary hartman, mary hartman
- SKYLINE: future jungle
- ANTHONY WHITE: block party
- HIGH VOLTAGE: rock, spank, freak
- RIPPLE: the beat goes on and on

testo in italiano e inglese
text italian - english
Manuali per imparare a suonare, letteratura musicale, testi tradotti e immagini.
Recensioni
  • Ancora nessuna recensione per questo titolo. Hai letto questo libro? Scrivi tu la prima.

  • la tua recensione