Carrello

Carlo G. ValliCucina e vini del Garda
Ogni cibo Ŕ un derivato del rapporto terra-territorio-colture (P. Camporesi). ╚ come 'un grande codice cifrato'. Ogni ricetta Ŕ una frase di questo linguaggio e leggere questi messaggi - conveniamo con Giovanni Ballerini - Ŕ un approccio alla conoscenza dell'uomo, dell'ambiente che lo circonda, del suo faticoso e lento rapportarsi con esso, del manifestarsi del suo destino. L'alimentazione, come si Ŕ venuta sviluppando nel Garda porta certamente il timbro impresso dalla natura e dai conseguenti condizionamenti indotti dalla geografia, dalla storia, dalla 'dimensione antropologica' dei suoi abitatori. Il Garda non Ŕ solo e tanto un bel lago, un orizzonte largo, un paesaggio roseo e gaio con i tratti graziosi e dolciastri che fanno la fortuna dei venditori di cartoline illustrate. Al contrario, Ŕ un modo dinamico d'essere della natura, un macrocosmo in movimento che le vicissitudini dell'epopea geologica e fisica e la storia della sua gente hanno permeato di segni che fanno di questa regione una entitÓ geografica autonoma, unitaria seppur composita e contrastante. Non Ŕ male conoscerli, questi segni, per decifrare, identificare anche il formarsi dell'etnologia e del costume alimentare di una popolazione .
Ricettari e libri per fare ed apprezzare bevande e cibi tipici italiani (e non solo), ma anche un assaggio di cucina naturale. Ampia bibliografia per vino e grappa.
Recensioni
  • Ancora nessuna recensione per questo titolo. Hai letto questo libro? Scrivi tu la prima.

  • la tua recensione