Carrello

Gianluca ToroAnimali psicoattivi
  • underground
  • Editore: Nautilus
  • Lingua: Italiano
  • Formato:cm 13 x 21
  • Pagine: 124

Per l’uomo, la tendenza a raggiungere stati di coscienza non ordinari è considerato un fenomeno innato, una vera e propria costante comportamentale senza confini di spazio e di tempo, alla ricerca dell’ “altrove” e del sacro.

Tale attitudine a modificare la propria percezione non è comunque limitata alla sola razza umana ma sembra interessare la specie animale in generale, come dimostrerebbero studi specifici al riguardo.


Una tecnica comune all’uomo ed a quelli che comunemente chiamiamo animali è l’ingestione di vegetali psicoattivi.

In particolare per l’uomo non sorprende che, seguendo questo suo impulso, si sia rivolto al mondo animale.


Questo libro vuole offrire una panoramica sulle principali conoscenze che riguardano l’impiego delle sostanze psicoattive di origine animale ed essere uno stimolo per future ricerche, essendo consapevoli che si tratta di un campo di indagine ancora poco sviluppato e conosciuto.


Sarà evidenziato come l’animale possa contenere in sé i principi attivi (per esempio i rospi), oppure come possa accumularli nei suoi tessuti attraverso l’assunzione di vegetali essi stessi psicoattivi (per esempio nel caso delle chiocciole, delle anatre o del miele delle api).


Oltre a ciò, è importante la differenziazione tra uso accidentale ed uso intenzionale, con il primo certamente più diffuso del secondo.

L’uso intenzionale, se reiterato, potrebbe divenire la base di un comportamento rituale con precise finalità; l’animale viene così sacralizzato poiché permette, per esempio, il contatto con il divino.


In questo testo rientrerebbero anche i preparati di tipo magico citati nella letteratura antica, dall’efficacia farmacologica dubbia o non dimostrata, e gli animali impiegati come afrodisiaci, di grande valore tradizionale presso molte culture .
...a fuoco è andato il granaio. Ora posso ammirare la luna...

Ultimi arrivi

Recensioni
  • Ancora nessuna recensione per questo titolo. Hai letto questo libro? Scrivi tu la prima.

  • la tua recensione