indietro back
espandi
aggiungi al carrello
add to cart
   
Luca Zaia
Adottare la terra ( per non morire di fame )
perchè non dobbiamo dimenticare i veri sapori della nostra identità
 
Ci sono due modi per occuparsi dell’agricoltura in Italia: alla guida del ministero, muovendosi con astuzia e abilità nella giungla delle istituzioni, dei regolamenti e della burocrazia; oppure, come ha fatto Luca Zaia che non ha mai avuto paura di sporcarsi le scarpe di terra, viaggiando tra i contadini, conoscendo i produttori e i loro territori, parlando la loro lingua. L’Italia è da sempre una sorta di “superpotenza” dell’agricoltura di qualità, la cui varietà di prodotti non ha nulla da invidiare a nessuno. Zaia, dal momento in cui è diventato ministro, ha girato in lungo e in largo l’Italia per capire e conoscere a fondo la nostra terra e chi la lavora. Con questo libro compie il gesto più complesso che un uomo politico può tentare di fare: mostrare ai suoi lettori come e perché siamo immersi da sempre in una ricchezza immensa ma del tutto sottovalutata, quasi ignorata: quella del mondo agricolo e dei suoi prodotti. Perché solo ripartendo da lì che possiamo porre nuove basi al nostro modo di vivere insieme, al nostro modo di essere comunità.

isbn: 9788804598350
pagine: 113
formato: 15 x 21
lingua: Italiano
euro 17.00
 
 recensioni
Hai letto questo libro? Scrivi la tua recensione.
 
  1 Euro  
  agr. Biodinamica  
  agr. Biologica  
  agricoltura  
  ANDROMEDA edizioni  
  annuari e marketing  
  bambini  
  casa e energie rinnovabili  
  cds - dvd - vhs  
  Centro Studi Assaggiatori  
  Civiltà Contadina  
  Corpo, mente, spirito  
  cucina  
  cucina naturale  
  equitazione  
  fumetti e grafica  
  giardinaggio  
  giochi e passatempi  
  Guide Naturalistiche  
  Itinerari e Percorsi  
  Le nez du vin  
  letteratura  
  Libri in lingua originale  
  Manualistica varia  
  musica  
  offerte speciali  
  Rarità - Rarity  
  Riviste  
  underground  
  Vini, bevande, distillati  
  Viticoltura ed Enologia  
  zootecnia, veterinaria, etologia